CSI Finanza Forum
Grazie per esserti collegato al forum del CSI Finanza.

I visitatori (ospiti) possono avere accesso solo ad alcune sezioni del forum.
Per visitare tutte le aree ed in particolare quelle con le analisi quotidiane sugli indici e sui singoli titoli, o le sezioni dedicate alle tecniche di trading occore essere utenti registrati.





 
PortalePortale  IndiceIndice  Il Blog  Breve GuidaBreve Guida  RegistratiRegistrati  Disclaimer  Accedi  

Condividere | 
 

 Saras

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
Vai alla pagina : Precedente  1, 2, 3, 4 ... 26 ... 49  Seguente
AutoreMessaggio
Meow
Colonnello a titolo onorifico
Colonnello a titolo onorifico
avatar

Numero di messaggi : 15698
Encomi : 145464
Data d'iscrizione : 01.09.09
Età : 44
Località : Bologna

MessaggioTitolo: Re: Saras   Mar 10 Nov 2009 - 8:52

Tornare in alto Andare in basso
Alè1893
Tenente comandante di compagnia
Tenente comandante di compagnia
avatar

Numero di messaggi : 2355
Encomi : 20581
Data d'iscrizione : 25.10.09
Età : 43
Località : GENOVA

MessaggioTitolo: Re: Saras   Mer 11 Nov 2009 - 22:31

Bene! Mi permetto un commento non tecnico:

Concordo con chi asserisce che il IV trimestre sarà per forza di cose positivo rispetto a quello corrispondente del 2008 e migliore dovrà essere il 2010... considerazioni che ho fatto prima di decidere di entrare sul titolo e che mi consentono di rimanere "incastrato" con relativa tranquilità. ... ma con enorme incazzatura naturalmente! Il valore preciso io non sono in grado di calcolarlo ... effettivamente però credo che un valore inferiore del 60% a quello effettivo al momento del collocamento (non il reale prezzo di collocamento) sia più che sufficiente. La Società è cmq sana ... ha fatto grossi investimenti, ha completato processi di ottimizzazione degli impianti ...
Insomma ... vedendo le cose dall'esterno, non in ottica speculativa ma in ottica di investimento, il titolo a questi prezzi è buy! Indubbiamente.
Pertanto aspetto solo a mediare ancora probabilmente ancora al 50% ma assolutissimamente cercherò i minimi. Come detto precedentemente 2.10 o 2.20 non mi cambia la vita e devo attendere anche se a 2.07/2.08 il prurito alle mani lo avevo!

Tecnicamente tiene il supporto 2.09/2.11 individuato in passato e tutti gli indicatori impedirebbero di negare un rimbalzo anche sostanzioso. Diamo tempo di digerire la trimestrale ... fortunatamente la memoria è corta e i piccoletti che lo volevano avranno già tutti sbragato!
Non più di due mesi fa sono uscito da PG con un +30 dopo aver sopportato, con fatica, un -25 ... e altro titolo ...
Per il resto cambia poco ed inutile ripetere quanto detto ieri ...
Ho seguito NOKIA e la sua trimestrale da incubo con relativo crollo delle quotazioni. Sono fuori da NOKIA e, ora come ora, la comprerei ad occhi chiusi.
SRS ha una storia in questo mese molto simile ... in più è quasi al minimo storico. Moratti le ha prese a 3 Euro ...
La situazione psicologicamente capovolta tra l'essere impegnato e il dover decidere di farlo è interessante.

http://it.finance.yahoo.com/q/ae?s=SRS.MI

Tornare in alto Andare in basso
Alè1893
Tenente comandante di compagnia
Tenente comandante di compagnia
avatar

Numero di messaggi : 2355
Encomi : 20581
Data d'iscrizione : 25.10.09
Età : 43
Località : GENOVA

MessaggioTitolo: Re: Saras   Mer 11 Nov 2009 - 22:33

Tornare in alto Andare in basso
Alè1893
Tenente comandante di compagnia
Tenente comandante di compagnia
avatar

Numero di messaggi : 2355
Encomi : 20581
Data d'iscrizione : 25.10.09
Età : 43
Località : GENOVA

MessaggioTitolo: Re: Saras   Mer 11 Nov 2009 - 22:34

Bologna, 23 settembre 2008

(Riprendiamo da Dagospia il pezzo pubblicato a firma di Walter Galbiati per “la Repubblica”)


Quel titolo valeva tra 4 e 5 euro per azione. Invece le banche e la famiglia Moratti lo hanno piazzato sul mercato a 6 euro. E per farlo, secondo la ricostruzione del consulente tecnico della procura di Milano, Marco Honegger, non avrebbero pubblicato alcuni dati rilevanti nel prospetto informativo.

Che la quotazione di Saras, la società di raffinazione di Sarroch, non fosse stato un grande affare per il mercato, lo si era capito fin da subito, quando il giorno successivo alla quotazione, avvenuta il 18 maggio 2006, il titolo aveva perso oltre il 10 per cento del suo valore. Il consulente tecnico ha ricostruito in un documento di oltre 400 pagine i motivi di quella debacle. E ha ipotizzato che l´incasso della quotazione sia servito soprattutto a un ramo della famiglia, quello di Massimo Moratti, per far fronte ai debiti dell´inter. Con un contestuale danno per il mercato di 770 milioni.

Tutti, gli analisti, i banchieri e gli investitori istituzionali avevano capito, durante le varie tappe che hanno portato la Saras in Borsa, che quella valorizzazione era troppo elevata, eppure nessuno ha fatto nulla per correggere il tiro. Un dato è emerso chiaramente dall´analisi di Honegger: l´utile di gruppo, il principale indicatore su cui calcolare il valore della società, era "gonfiato". "Si è potuto riscontrare che l´informativa da Prospetto - scrive il consulente - non aveva evidenziato l´esistenza di una considerevole componente di utili non ricorrente nei dati storici, dati unici su cui basarsi per la decisione di investimento (quantomeno per il pubblico indistinto)".

La mancanza si riferisce all´utile 2005, pari a 292,6 milioni di euro. Una cifra riportata tale e quale nel prospetto, senza avvisare i risparmiatori che il dato era "gonfiato" da utili derivanti dalle scorte di magazzino. Dalla documentazione sequestrata dalla Guardia di Finanza presso Jp Morgan, una delle banche advisor per la quotazione, invece, emerge chiaramente che nei report su Saras redatti prima della quotazione, gli analisti, compresi quelli di Morgan Stanley e Caboto di Banca Intesa (gli altri due advisor dei Moratti) prendono in considerazione gli utili depurati ("comparable") per calcolare il valore delle società di raffinazione.

Gli unici a non farlo sono quelli di Jp Morgan. La stessa Saras, come sostiene il consulente, si accorge dell´errore e a partire dal comunicato stampa del 25 ottobre inizia a fornire i dati di utile relativi ai trimestri, così come lo richiede la prassi degli analisti. A febbraio 2007, in un altro comunicato, la società svela che l´utile netto rettificato per il 2005 è di 230 milioni di euro. Con questi profitti, il valore per azione di Saras sarebbe stato tra i 4,1 e i 5,1 euro e non tra i 5,25 e i 6,5 euro, come indicato nel prospetto.

Non vi è nessuna giustificazione di un prezzo di 6 euro nemmeno negli studi delle tre banche che hanno partecipato alla quotazione: "Sulla base delle valutazioni rettificate delle banche d´affari partecipanti all´operazione, il range avrebbe dovuto collocarsi tra i 4 e i 5 miliardi di euro (ossia tra i 4,4 e i 5,6 euro per azione); dunque inferiore di 700 milioni a quello definito in Prospetto Informativo", sostiene la consulenza.

Non è un caso, quindi, che le quotazioni di Saras, dal giorno dello sbarco in Borsa a oggi, si siano allineate ai valori stimati dagli analisti. Se n´erano accorti fin da subito gli investitori istituzionali del calibro di Morley, Strategic Market Analysis, Moore, Plutus, Generali e Polygon, che già in fase di quotazione ("bookbuilding") avevano ridotto significativamente o cancellato gli ordini di acquisto.

Perché allora spingere il prezzo di quotazione? Le email sequestrate dagli inquirenti offrono qualche indicazione. "È vitale che davanti al prezzo ci sia un 6", scriveva il numero uno di Jp Morgan, Federico Imbert, a un suo collega, mentre il bookbuilding attraversava una fase critica. Jp Morgan, oltre alle commissioni per il collocamento, otterrà, cosa taciuta nel prospetto, anche il mandato dalla famiglia Moratti per gestire attraverso la sua filiale di private banking, i lauti proventi della quotazione.

Un altro banchiere di Jp Morgan, Emilio R. Saracho (probabilmente del private banking) svela in una email un ulteriore dettaglio: "Devi essere al corrente del fatto che abbiamo ottenuto 1,6 miliardi di euro, cioè da entrambi fratelli, ma uno dei due deve ripagare 500 milioni di debiti, e così quella parte non la vedremo per lungo tempo".

Sempre Imbert, il 14 marzo 2006, alza il sipario sui presunti interessi di Banca Intesa: "Parlato a lungo con Micciché di Intesa. È contento del lavoro fatto insieme su Saras e Intercos. È personalmente a disposizione per stimolare forza vendita specialmente su Saras. Chiede di informarlo se vediamo problemi o sgranature. Tiene ovviamente molto al successo data l´esposizione sua e di Passera con i Moratti. È stato da lui Galeazzo Pecori Giraldi di Morgan Stanley consigliando di non esagerare sul prezzo. Lui crede che lo faccia per invidia nei nostri confronti".

In un documento, poi, trovato presso la Jp Morgan, intitolato "Materiale di discussione", si spiega la scelta di affiancare un aumento di capitale, non necessario, alla vendita di titoli da parte della famiglia. Se così non fosse, "verrebbe evidenziata una scarsa propensione ad investire e si darebbe l´idea che la proprietà vuole solo fare cassa, prestando il fianco a critiche su altre iniziative (metti i soldi nell´inter)".
Tornare in alto Andare in basso
Alè1893
Tenente comandante di compagnia
Tenente comandante di compagnia
avatar

Numero di messaggi : 2355
Encomi : 20581
Data d'iscrizione : 25.10.09
Età : 43
Località : GENOVA

MessaggioTitolo: Re: Saras   Mer 11 Nov 2009 - 22:36

TRIMESTRALE

10/11/2009

Saras, il Consiglio di Amministrazione approva i risultati del Terzo trimestre 2009

Fatti salienti del terzo trimestre e dei primi nove mesi 2009

• 9M/09 EBITDA Reported di Gruppo pari a 275,4 milioni di Euro (-48% rispetto ai 9M/08)

• Q3/09 EBITDA Reported di Gruppo pari a -17,1 milioni di Euro (-127% rispetto al Q3/08)

• 9M/09 EBITDA Comparable di Gruppo pari a 116,6 milioni di Euro (-77% rispetto ai 9M/08)

• Q3/09 EBITDA Comparable di Gruppo pari a 1,4 milioni di Euro (-99% rispetto al Q3/08)

• 9M/09 Utile Netto Reported di Gruppo pari a 67,4 milioni di Euro (-78% rispetto ai 9M/08)

• Q3/09 Utile Netto Reported di Gruppo pari a -49,6 milioni di Euro (-152% rispetto al Q3/08)

• 9M/09 Utile Netto Adjusted di Gruppo pari a -30,5 milioni di Euro (-113 % rispetto ai 9M/08)

• Q3/09 Utile Netto Adjusted di Gruppo pari a -37,6 milioni di Euro (-163 % rispetto al Q3/08)

• Margine di raffinazione Saras pari a 2,2 $/bl nei 9M/09, in contrazione del 75% rispetto a 9M/08 (mentre in Q3/09 è stato pari a -0,3 $/bl, in contrazione del 104% rispetto al Q3/08)

• Nei 9M/09 il premio Saras sul margine benchmark EMC è stato di 0,9 $/bl (-0,1 $/bl nel Q3/09), penalizzato sia dagli importanti investimenti e dalla manutenzione programmata, iniziata durante il Q2/09 e protrattasi anche nel Q3/09, che anche da problemi tecnici verificatisi a seguito del riavviamento di talune unità critiche

• Al 30 settembre 2009 la Posizione Finanziaria Netta era negativa per 463 milioni di Euro, in miglioramento rispetto ai -472 milioni di Euro al 30 giugno 2009.
Tornare in alto Andare in basso
Alè1893
Tenente comandante di compagnia
Tenente comandante di compagnia
avatar

Numero di messaggi : 2355
Encomi : 20581
Data d'iscrizione : 25.10.09
Età : 43
Località : GENOVA

MessaggioTitolo: Re: Saras   Mer 11 Nov 2009 - 22:37

17
Evoluzione prevedibile della gestione
RAFFINAZIONE
• A causa dell’ importante ciclo di manutenzione programmata ed investimenti che hanno interessato i
primi 9M/09, nonché ai ritardi verificatisi nella fase di completamento delle attività di manutenzione ed ai
problemi tecnici nella fase di avviamento di alcune unità primarie, Saras stima attualmente per l’intero
esercizio 2009, una la lavorazione della raffineria compresa tra i 13,5 ÷ 13,8 milioni di tonnellate (e
dunque superiore alla ragguardevole soglia dei 100 milioni di barili).
• Nel Q4/09 sono attesi solamente interventi di manutenzione di piccola entità. Ciò permetterà alla
raffineria di sfruttare appieno la sua flessibilità e la superiore capacità di conversione, traendo pieno
vantaggio dalla stagionalità caratteristica della domanda di distillati medi, che tipicamente aumenta
durante il periodo invernale (la così detta “heating season”).
• Con uno sguardo al futuro, l’International Energy Agency (IEA) ha recentemente rivisto al rialzo le stime
della domanda globale di petrolio, ed ora si aspetta una media per il 2009 di 84,6 milioni di barili al
giorno (in contrazione del 1,9% rispetto al 2008), cui farà seguito una ripresa nel 2010 (+1,7%) che
porterà al raggiungimento degli 86,1 milioni di barili al giorno.
• Tale miglioramento di scenario è dovuto ad un più ottimistico contesto macro economico come previsto
dalla IMF, ed allo stesso tempo ad alcuni dati preliminari sui consumi di petrolio registrati nelle economie
in via di sviluppo (Cina, India, America Latina e Medio Oriente), che si sono rivelati migliori delle attese.
• Tuttavia, gli attuali livelli degli stoccaggi di prodotti petroliferi ed i recenti incrementi nella capacità di
raffinazione in Estremo Oriente, invitano a mantenere un approccio conservativo. A tal proposito
condividiamo le attese di numerosi analisti del nostro settore di riferimento, e siamo d’accordo sulle
possibilità che si verifichi un significativo rimbalzo dei margini di raffinazione e del crack dei distillati
medi, a partire dalla fine del H1/10.
• Tale rimbalzo dipenderà da una graduale e solida ripresa dell’attività industriale mondiale, che sarà
accompagnata da un incremento dei trasporti su gomma per tutti i beni di consumo lungo la catena
distributiva, portando ad un conseguente aumentando della domanda di distillati medi.
GENERAZIONE ENERGIA ELETTRICA
• L’intervento di manutenzione programmata atteso nel quarto trimestre 2009, relativamente ad uno dei tre
treni paralleli di “Gasificatore – Turbina a ciclo combinato” è stato anticipato al Q3/09, ed è ora stato
interamente completato. Non sono attese ulteriori attività di manutenzione per il 2009.
• Il ritardo di 9 mesi relativo alla formula per il calcolo della componente “CEC”, ha progressivamente
ridotto la tariffa elettrica CIP6/92 nei primi 9 mesi del 2009, in linea con il trend seguito dai prezzi del
grezzo durante la seconda metà dell’esercizio 2008.
• Tuttavia la successiva ripresa dei prezzi del petrolio nel Q1/09 si tradurrà a breve in una ripresa della
tariffa elettrica CIP6/92 (per chiarezza di riferimento, solo durante gennaio 2009 il Brent Datato è
rimbalzato dai 36 ai 45 $/bl).
• Infine, la componente “incentivo” della tariffa elettrica CIP6/92 è scaduta in aprile 2009, così come
stabilito nel contratto originale con il Gestore Nazionale della rete (GSE).
• In applicazione della procedura di linearizzazione prevista dai principi contabili IFRS, non si avrà alcun
impatto a livello di EBITDA comparable, che rimarrà stabile da ora fino al 2021 in un intervallo tra i 175 e
i 185 milioni di Euro all’anno.
• Tuttavia, l’EBITDA calcolato secondo i principi contabili italiani subirà una flessione di circa 115 milioni di
Euro nel 2009, rispetto al 2008.
Tornare in alto Andare in basso
Alè1893
Tenente comandante di compagnia
Tenente comandante di compagnia
avatar

Numero di messaggi : 2355
Encomi : 20581
Data d'iscrizione : 25.10.09
Età : 43
Località : GENOVA

MessaggioTitolo: Re: Saras   Sab 14 Nov 2009 - 22:15



... mi veniva solo quella in mente!!!

Il grafico fa paura ... pace per la trimestrale ma veramente esagerato.
E' molto shortata e la prossima settimana di scadenze tecniche potrebbe essere buona.
Ha distrutto tutto e lo sappiamo ... anchi qui mi trovo a dover mediare per portare pmc in area gap-up ...
Però mi trovo a dover aspettare il momento opportuno ... magari riuscire a prenderla sulla partenza perchè non posso e non voglio rimanere bloccato.
Se avete un parere a proposito ...
Buona Domenica a tutti.

Tornare in alto Andare in basso
Alè1893
Tenente comandante di compagnia
Tenente comandante di compagnia
avatar

Numero di messaggi : 2355
Encomi : 20581
Data d'iscrizione : 25.10.09
Età : 43
Località : GENOVA

MessaggioTitolo: Re: Saras   Mar 17 Nov 2009 - 21:42

Buonasera ... mediato in TAH e portato pmc a 2.35 ... non ancora pesantemente però. Tengo margine.
Una curiosità:
Anche se ne ho ordinate di più ... ultimo ordine in TAH è mio ... fine contrattazioni a c.ca 15/20 minuti dalla chiusura malgrado mio ordine (preso a 2.035) fosse mezzo tik sopra.
Seicento pezzi e neanche uno di più me ne ha date ... boh!
Vediamo.
Graficamente fase di congestione sopra supporto 1.98/2.00 e mantiene la rialzista di medio-lungo ... per il resto serve un segnale.
... come al solito, a volte va bene altre meno, ho provato ad anticipare ...
Non mi copiate perchè è segno di poca disciplina.
Tornare in alto Andare in basso
Achidi71
Primo capitano
Primo capitano
avatar

Numero di messaggi : 1288
Encomi : 10474
Data d'iscrizione : 01.09.09
Età : 46
Località : Milano

MessaggioTitolo: Re: Saras   Mar 17 Nov 2009 - 23:39

Tornare in alto Andare in basso
pesc62e
Maggiore
Maggiore
avatar

Numero di messaggi : 3663
Encomi : 25141
Data d'iscrizione : 01.09.09

MessaggioTitolo: Re: Saras   Sab 21 Nov 2009 - 11:02

ho cercato di studiarla per capire l'arrivo con onde, proiezioni,,poi alla fine un'ipotesi molto banale mi sembra forse realistica,,,il target del pennant ribassista conciderebbe con il doppio minimo...sono sempre ipotesi di studio, aspetto comunque un pattern..

Tornare in alto Andare in basso
Contenuto sponsorizzato




MessaggioTitolo: Re: Saras   

Tornare in alto Andare in basso
 
Saras
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 3 di 49Vai alla pagina : Precedente  1, 2, 3, 4 ... 26 ... 49  Seguente
 Argomenti simili
-
» Saras

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
CSI Finanza Forum :: L'ESERCITO DEL GENERALE NYSEDOW :: ANALISI TECNICA :: Mercati ITALIA-
Andare verso: