CSI Finanza Forum
Grazie per esserti collegato al forum del CSI Finanza.

I visitatori (ospiti) possono avere accesso solo ad alcune sezioni del forum.
Per visitare tutte le aree ed in particolare quelle con le analisi quotidiane sugli indici e sui singoli titoli, o le sezioni dedicate alle tecniche di trading occore essere utenti registrati.





 
PortalePortale  IndiceIndice  Il Blog  Breve GuidaBreve Guida  RegistratiRegistrati  Disclaimer  Accedi  

Condividere | 
 

 La cultura dell'illegalita'

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
Vai alla pagina : Precedente  1 ... 11 ... 19, 20, 21  Seguente
AutoreMessaggio
Alè1893
Tenente comandante di compagnia
Tenente comandante di compagnia
avatar

Numero di messaggi : 2355
Encomi : 20581
Data d'iscrizione : 25.10.09
Età : 43
Località : GENOVA

MessaggioTitolo: Re: La cultura dell'illegalita'   Lun 13 Dic 2010 - 15:02

oldbiker ha scritto:
allora per sicurezza lo cambiamo col Napalm , risultato garantito ok

Smacchia senza lasciare aloni? Cool
Tornare in alto Andare in basso
oldbiker
Sergente maggiore capo
Sergente maggiore capo
avatar

Numero di messaggi : 587
Encomi : 3841
Data d'iscrizione : 01.09.09
Età : 59
Località : prov. BG

MessaggioTitolo: Re: La cultura dell'illegalita'   Lun 13 Dic 2010 - 15:10

lascia solo terra bruciata
Tornare in alto Andare in basso
Alè1893
Tenente comandante di compagnia
Tenente comandante di compagnia
avatar

Numero di messaggi : 2355
Encomi : 20581
Data d'iscrizione : 25.10.09
Età : 43
Località : GENOVA

MessaggioTitolo: Re: La cultura dell'illegalita'   Lun 13 Dic 2010 - 15:11

oldbiker ha scritto:
lascia solo terra bruciata

Allora perfetto ... tanto è il loro habitat ideale!
Si troveranno a loro agio! yes Smile
Tornare in alto Andare in basso
oldbiker
Sergente maggiore capo
Sergente maggiore capo
avatar

Numero di messaggi : 587
Encomi : 3841
Data d'iscrizione : 01.09.09
Età : 59
Località : prov. BG

MessaggioTitolo: Re: La cultura dell'illegalita'   Lun 13 Dic 2010 - 15:36

Alè1893 ha scritto:
oldbiker ha scritto:
lascia solo terra bruciata

Allora perfetto ... tanto è il loro habitat ideale!
Si troveranno a loro agio! yes Smile

era molto in voga nella giungla del Vietnam
Tornare in alto Andare in basso
Alè1893
Tenente comandante di compagnia
Tenente comandante di compagnia
avatar

Numero di messaggi : 2355
Encomi : 20581
Data d'iscrizione : 25.10.09
Età : 43
Località : GENOVA

MessaggioTitolo: Re: La cultura dell'illegalita'   Lun 13 Dic 2010 - 15:37

oldbiker ha scritto:
Alè1893 ha scritto:
oldbiker ha scritto:
lascia solo terra bruciata

Allora perfetto ... tanto è il loro habitat ideale!
Si troveranno a loro agio! yes Smile

era molto in voga nella giungla del Vietnam

Lo so ... purtroppo nel posto sbagliato ma noi ne faremmo un uso più proficuo! yes
Tornare in alto Andare in basso
Alè1893
Tenente comandante di compagnia
Tenente comandante di compagnia
avatar

Numero di messaggi : 2355
Encomi : 20581
Data d'iscrizione : 25.10.09
Età : 43
Località : GENOVA

MessaggioTitolo: Re: La cultura dell'illegalita'   Lun 13 Dic 2010 - 16:21

Tornare in alto Andare in basso
Tipheret
Soldato
Soldato


Numero di messaggi : 1751
Encomi : 18806
Data d'iscrizione : 20.11.09
Località : Ravenna

MessaggioTitolo: Re: La cultura dell'illegalita'   Lun 13 Dic 2010 - 19:40

Ma l'euro da solo non basta

di Mario Deaglio

Quella che oggi si apre dovrebbe essere la settimana cruciale della politica, ma potrebbe anche risultare la settimana cruciale dell’euro. In Italia si valuterà la capacità di tenuta del presidente del Consiglio, ma sui mercati finanziari si valuterà la tenuta della moneta europea, prima scesa, poi rimbalzata, poi nuovamente debole dopo la faticosa messa a punto di una politica in favore dei Paesi maggiormente a rischio della zona euro.

Ebbene, diciamolo francamente: alla maggioranza degli italiani, e forse degli europei, l’euro non è simpatico e se ne parla male qualunque cosa succeda. Se il cambio si rafforza, ecco le critiche perché i prodotti esportati fuori della zona diventano automaticamente più cari, le vendite diminuiscono e la crescita rallenta; se il cambio si indebolisce, e quindi si pagano più cari gli acquisti extraeuropei, sono immediati i timori che il rialzo dei prezzi dei beni importati inneschi l’inflazione. E chi fa sommessamente presente che l’euro ci ha dato dieci anni senza inflazione si sente rispondere che gli indici dei prezzi sono sbagliati e che gli aumenti «veri» sono molto superiori. Se mai l’euro dovesse scomparire - un’ipotesi del tutto irrealistica - ci sarebbero moltissime preoccupazioni ma poche lacrime.

E questo perché, essendo frutto di un compromesso, nessuno Paese percepisce veramente l’euro come la propria moneta. I tedeschi rimpiangono il loro amatissimo marco, alla cui ombra potente pagavano volentieri più della loro quota del costo complessivo dell’Unione Europea; gli altri europei, e i francesi in particolare, borbottano sottovoce che l’abbandono del marco ha rappresentato la contropartita del «sì» europeo all’unificazione tedesca e che era inteso che i tedeschi avrebbero continuato a finanziare l’Europa senza proteste; agli italiani, poi, in fondo non dispiaceva la sagra degli zeri, preferivano sentirsi milionari nelle vecchie lire che vivere con mille euro al mese anche se con minore inflazione. Per tutti l’euro evoca più doveri che piaceri, un mondo grigio e ordinato in cui i conti devono tornare.

Il nocciolo duro della questione è tutto qui. In questi giorni è stato autorevolmente detto da più parti, con allarmismo ingiustificato, che, se l’euro dovesse finir male, l’Europa smetterebbe di esistere. E’ necessario ribaltare la questione: perché l’euro vada davvero bene, bisogna dare un senso all’Europa. L’euro ha rappresentato un’operazione inedita nella storia, e precisamente il tentativo di avviare un’identità comune non già attraverso l’eredità culturale del passato, la religione, la lingua ma, appunto, attraverso la moneta. Va detto che l’euro ha fatto bene la sua parte e dal punto di vista tecnico non lascia certo a desiderare. Ora però la sua spinta iniziale si è esaurita e non può trainare indefinitamente un continente svogliato: una moneta europea richiede una gestione europea, e non più nazionale, dell’economia. Questo implica sia l’esistenza di un ministro europeo dell’Economia, non previsto né dal fallito progetto di costituzione né dal trattato di Lisbona, sia almeno un embrione di tassazione europea. Nessun governo li accetta volentieri perché perderebbe la parte di sovranità che maggiormente sta a cuore ai politici: la facoltà di decidere come tassare e come spendere, a chi far pagare e chi beneficare.

Questo vuoto non può durare a lungo, siamo su un piano inclinato e se non andiamo avanti scivoleremo all’indietro. Andare avanti significa appunto trasferire una parte, inizialmente piccola, delle entrate fiscali a un governo centrale europeo che sia qualcosa di più dell’attuale Commissione. Con queste entrate il governo centrale europeo dovrà provvedere a spese a carattere generale, sottraendole ai governi nazionali. La scelta è ampia: dal controllo dell’immigrazione alla ricerca scientifica, dalla protezione civile alla sanità di base, ad alcuni segmenti della difesa. L'importante è che si cominci; invece tutti sono distratti da questioni nazionali e gli italiani avranno questa settimana la mega-distrazione del voto di fiducia mentre i problemi si accumulano per chi si troverà al timone dopo il voto di fiducia.

Solo in quest’ottica generale ha un vero significato, al di là dell’utilità come espediente congiunturale, la proposta Juncker-Tremonti sull’emissione degli E-bonds, ossia di titoli sovrani di debito non solo da parte di singoli Stati ma anche da parte dell’Unione Europea. I nuovi titoli non dovrebbero servire soltanto a scopi di stabilizzazione finanziaria ma anche al finanziamento di progetti europei, a cominciare dal campo delle infrastrutture. Si dovrebbe procedere, così come è successo nella storia degli Stati Uniti, alla determinazione di diversi livelli di finanza pubblica, uno europeo, uno nazionale e forse anche uno regionale. Il federalismo miope in cui ciascun Paese fa da sé, come se l’Europa e il mondo non esistessero è comunque destinato al fallimento. Quale che sia l’esito del voto di fiducia.

http://www.lastampa.it/_web/cmstp/tmplRubriche/editoriali/gEditoriali.asp?ID_blog=25&ID_articolo=8194&ID_sezione=&sezione=
Tornare in alto Andare in basso
Tipheret
Soldato
Soldato


Numero di messaggi : 1751
Encomi : 18806
Data d'iscrizione : 20.11.09
Località : Ravenna

MessaggioTitolo: Re: La cultura dell'illegalita'   Mar 14 Dic 2010 - 11:29

Blitz degli studenti a Piazza Affari

Cortei e sit in anche a Palermo,Torino, Bari, Genova e Cagliari


Blitz degli studenti a Piazza Affari (ANSA) - MILANO, 14 DIC - Una cinquantina di studenti ha fatto irruzione in piazza Affari, all'interno della sede della Borsa, dove ha esposto uno striscione. Ricacciati fuori dall'edificio, gli studenti sono rimasti in piazza a scandire slogan. A Torino in migliaia sfilano per le vie del centro. A Genova occupazione simbolica del rettorato nel polo universitario di via Balbi. Un centinaio di studenti sta bloccando il traffico ferroviario alla stazione di Palermo. Due cortei creano disagi al traffico a Bari.
Tornare in alto Andare in basso
Tipheret
Soldato
Soldato


Numero di messaggi : 1751
Encomi : 18806
Data d'iscrizione : 20.11.09
Località : Ravenna

MessaggioTitolo: Re: La cultura dell'illegalita'   Mer 15 Dic 2010 - 21:39

Italiani? I più grandi evasori d’Europa


Secondo Krls, nel nostro Paese evase il 54,5% del reddito imponibile


FTAonline News, 13 Dic - 11:51

Le tasse sono troppo alte e quindi le nessuno le paga oppure è il fatto che in pochi siano in regola con il Fisco a portare la pressione fiscale alle stelle? In attesa che il dibattito tutto italiano trovi soluzione, Krls Network of Business Ethics ha registrato, per conto di Contribuenti.it, l’andamento dell’evasione fiscale nel nostro Paese, ottenendo dati sconfortanti.



Al top in Europa

Secondo quanto riscontrato dall’indagine, da gennaio a novembre 2010 in Italia l’evasione fiscale ha conosciuto un tasso di crescita – rispetto a quanto avvenuto nel 2009 – pari al 10,1%. Con un livello di evasione pari al 54,5% del reddito imponibile, gli italiani si confermano dunque i più grandi evasori d’Europa. In termini assoluti, nel 2010 le casse dell’erario italiano subiranno un ammanco di 159 miliardi di euro.



L’indagine

Lo studio di Krls è basato sulla rielaborazione di dati ministeriali e provenienti da banche centrali, istituti di statistica e corpi di polizia tributaria dei singoli Stati europei. L’evasione è stata stimata prendendo in considerazione cinque grandi aree: l’economia sommersa, l’economia criminale, l’evasione delle società di capitali, l’evasione delle big company e quella dei lavoratori autonomi e delle piccole imprese.



L’identikit dell’evasore

Detto del disonorevole primato europeo, occorre comunque precisare che non in tutto il Paese si registrano uguali tassi di evasione. Secondo la ricerca di Contribuenti.it, infatti, l’evasione è più diffusa nel Nord Ovest (29,4% del totale nazionale), quindi al Sud (24,5%), al Centro (23,2%) e nel Nord Est (22,9%).



Se si guarda invece al profilo professionale degli evasori, si scopre che i più inclini a fuggire dalla stretta del Fisco sono gli industriali (32,8% del totale dell’evasione nazionale); in seconda posizione, poi, si troverebbero i bancari e gli assicurativi (28,3%) e dunque i commercianti (11,7%), gli artigiani (10,9%), i professionisti (8,9%) e, infine, i dipendenti (7,4%).
Tornare in alto Andare in basso
Tipheret
Soldato
Soldato


Numero di messaggi : 1751
Encomi : 18806
Data d'iscrizione : 20.11.09
Località : Ravenna

MessaggioTitolo: Re: La cultura dell'illegalita'   Gio 16 Dic 2010 - 11:59

Fisco:blitz Entrate-GdF in 12 fiduciarie

Nell'ambito della lotta all'evasione


Fisco:blitz Entrate-GdF in 12 fiduciarie (ANSA) - ROMA, 16 DIC - Sono in corso, da parte della Guardia di Finanza e dell'Agenzia delle Entrate, 12 interventi (6 affidati all'Agenzia e 6 alle Fiamme gialle) presso societa' fiduciarie dislocate in cinque regioni (Piemonte, Lombardia, Liguria, Emilia Romagna e Lazio). Oggetto dei controlli e' il corretto adempimento degli obblighi di comunicazione all'Archivio dei rapporti finanziari dei dati relativi alla clientela e delle operazioni svolte al di fuori di rapporti continuativi.
Tornare in alto Andare in basso
Contenuto sponsorizzato




MessaggioTitolo: Re: La cultura dell'illegalita'   

Tornare in alto Andare in basso
 
La cultura dell'illegalita'
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 20 di 21Vai alla pagina : Precedente  1 ... 11 ... 19, 20, 21  Seguente
 Argomenti simili
-
» La cultura dell'illegalita'
» Le Promozioni dell'Esercito - Tomo 2
» Taglio 10% applicabile al direttore dell'unione
» RESPONSABILITA' AMMINISTRATORI DELL'ENTE
» Risoluzione n. 2/DF/2014 - Ministero dell'Economia e delle Finanze

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
CSI Finanza Forum :: L'ESERCITO DEL GENERALE NYSEDOW :: APPROFONDIMENTI :: Discussioni Libere-
Andare verso: